La Zeppola di San Giuseppe

2681

La zeppola di San Giuseppe è un dolce tipico napoletano in onore del Santo in questione (19 Marzo), anche se generalmente la si può trovare nelle pasticcerie tutto l’anno. Precisamente, la zeppola a Napoli indica una ciambella con un foro al centro di circa 2 cm, fritta o al forno, con una base di uova, farina, zucchero, burro e olio d’oliva, con crema pasticcera, amarene sciroppate e una passata di zucchero a velo. In alcune pasticcerie, talvolta la crema viene utilizzata anche come ripieno, e ultimamente si possono trovare anche a gianduia e panna. Inoltre il termine zeppola, in gergo, può anche indicare un piccolo difetto di pronuncia che prende il nome  di balbuzie (tené’a zeppula’mmocca : avere la zeppola in bocca).

Origine del termine

  • cippus (latino), letteralmente “pezzetto di legno”, che starebbe ad indicare il pizzico di pasta lievitata che immersa nell’olio comincia a crescere friggendo.
  • serpula (latino), “serpe”, perchè con la sua forma acciambellata la zeppola sembrerebbe una serpe.
  • saeptula (latino), termine che sta ad indicare generalmente gli oggetti rotondi.
  • Zi’ Paolo, presumibilmente nome di colui che l’avrebbe inventata.

Storia delle zeppole

Alcuni ritrovano l’origine delle zeppole nell’antica Roma, quando il 17 Marzo cadevano le Liberalia, ossia feste in onore degli dei del vino e del grano, durante le quali si preparavano, appunto, delle frittelle di frumento.
Altri credono che invece sia nata come dolce da convento, la scelta varia tra San Gregorio Armeno e Santa Patrizia.
Infine, altri ancora ritengono che la zeppola sia nata dai festeggiamenti per la fine dell’inverno, che si tenevano il 19 Marzo, durante i quali veniva preparata una gran quantità di frittelle.

Tipologie di zeppole

Quella di San Giuseppe non è l’unica zeppola possibile da gustare a Napoli, ma ce ne sono ovviamente altri tipi, tra cui:

1La Zeppola di San Giuseppe classica

foto da scattidigusto.it

Ciambella fatta con impasto a base di farina, acqua e sale, fritto in olio bollente e poi spolverato con zucchero.

2La Graffa

foto da typicalsicily.it

Della stessa forma della zeppola classica, cambia l’impasto nel quale, ispirandosi al krapfen tedesco, vengono messe anche le patate per dare maggiore morbidezza.

3La zeppola pasta cresciuta

foto da blog.giallozafferano.it

E’ una zeppola salata che si ottiene friggendo un piccolo pezzetto di pasta lievitata, preferibilmente da mangiare bollente.